siamo ciò che mangiamo

Ludwig Feuerbach